segesta teatro greco e tempio religioso
vesione italiana
versione inglese
albergo la tavernetta scopello
hotel cetarium castellammare del golfo

SEGESTA
Il Tempio
Il Teatro
L'acropoli
  Le Rappresentazioni
  Calatafimi Segesta
ALLOGGI
  Hotel Cetarium
  Hotel Ristorante La Tavernetta Scopello
  Camping Guidaloca
  Last Minutes
ESCURSIONI
  Escursioni consigliate
COME ARRIVARE
  Come Arrivare
LINK UTILI
  Link Utili
CONTATTI
  Contatti
  Home Page
realizzazione sito AEAWEB.IT

 

 

>> Il Tempio
Il grande tempio fuori le mura della cittą era un periptero greco-siceliota di 6 x 14 colonne. Dopo l'innalzamento del colonnato la costruzione rimase incompiuta, molto probabilmente a causa della presa della cittą da parte dei cartaginesi, nel 409 a.C.
La discussa cella, di cui oggi non si conserva traccia visibile in superficie, era stata progettata e vanne cominciata, come testimoniano alcuni tratti della fondazione individuati in recenti saggi di scavo. Nel colonnato (peristasi), le bozze sulle gradinate (crepidoma) e sulle colonne, che di solito venivano esportate soltanto nella fase di rifinitura, testimoniano lo stato di incompiutezza del tempio.
Le bozze, utilizzate per il sollevamento e la messa in opera dei conci, illustrano bene (insieme ad altri accorgimenti) alcune importanti caratteristiche della tecnica costruttiva di etą classica. Nelle sue proporzioni generali, nella sintassi delle sue membra e nelle caratteristiche stilistiche (capitelli, cornicioni, curvatura delle linee orizzontali) il tempio segue fedelmente i modelli dell'architettura classica delle cittą greche in Sicilia, specie nella vicina Selinunte.
Alcune forme particolari (palmette nei soffitti dei cornicioni angolari, modanatura del timpano) e le proporzioni degli elementi architettonici indicano anche una buona conoscenza della contemporanea architettura attica. Del culto e dell'altare presso il quale era praticato non si hanno notizie. Tuttavia, i modesti resti di un semplice edificio sacro precedente, scoperti nello scavo al centro del tempio, fanno ipotizzare un luogo di culto piuttosto antico.