segesta teatro greco e tempio religioso
vesione italiana
versione inglese
albergo la tavernetta scopello
hotel cetarium castellammare del golfo

SEGESTA
Il Tempio
Il Teatro
L'acropoli
  Le Rappresentazioni
  Calatafimi Segesta
ALLOGGI
  Hotel Cetarium
  Hotel Ristorante La Tavernetta Scopello
  Camping Guidaloca
  Last Minutes
ESCURSIONI
  Escursioni consigliate
COME ARRIVARE
  Come Arrivare
LINK UTILI
  Link Utili
CONTATTI
  Contatti
  Home Page
realizzazione sito AEAWEB.IT

 

 

>> Il Teatro Antico
Il teatro, costruito sul versante nord dell'acropoli di Segesta, si apre su un vasto panorama dominato dal monte Inici; a destra lo sguardo arriva fino al golfo di Castellammare. Esso stato costruito con blocchi di calcare locale, e presenta forme tipiche dell'architettura greca, anche se la cavea non poggia direttamente sulla roccia ma interamente costruita e delimitata da poderosi muri di contenimento (analemma).
teatro antico di segesta Dall'alto di esso si entrava al teatro attraverso due ingressi sfalsati rispetto agli assi principali dell'edificio. La cavea, con i sedili per gli spettatori, ha un diametro di 63,60 m ed divisa orizzontalmente da un corridoio (diazoma); nella parte inferiore sono disposte ventuno file di posti, divise da sei scalette in sette cunei (kerkides) di dimensioni variabili. La fila superiore aveva sedili forniti di schienale. Invece delle gradinate della summa cavea rimangono solo poche tracce.
Da recenti ricerche venuto fuori che esistenva anche di un settore di gradinata pi in alto, tra i due ingressi, parzialmente riutilizzato nella necropoli musulmana (prima met del XII secolo). Nel complesso, il teatro poteva contenere 4000 spettatori.
L'orchestra (lo spazio dove, nel dramma antico, agiva il coro), a semicerchio oltrepassato, ha un diametro di 18,40 m. Vi si accedeva dalle parodoi (ingressi laterali) che, come in quasi tutti i teatri greci di occidente, sono ortogonali all'asse dell'orchestra.
Pochi filari di blocchi (per una lunghezza di 27,40 m e larghezza di 9,60 m) permettono di ricostruire la pianta della scena (logeion), un edificio di due piani negli stili dorico e ionico e con due corpi laterali avanzati (come nel teatro di Dioniso ad Atene) ornati da satiri scolpiti ad altorilievo. C' una strada lastricata che corre lungo il lato ovest del teatro, raggiungendo l'orchestra e l'ingresso ad una grotta naturale, in cui si trova una sorgente sacra.